energy innovation


Vai ai contenuti

Biomasse

Settori

Tutti i residui organici provenienti dai rifiuti, carcasse, vegetali in decomposizione, liquami degli animali, scarti agro-industrilali, possono tornare utili nel risparmio energetico. Si chiama biogas (metano biologico), ed è il risultato della fermentazione batterica in assenza di ossigeno dei rifiuti. Questo processo di decomposizione del materiale organico da parte di alcuni batteri, produce anidride carbonica, idrogeno molecolare e metano, elementi che con un particolare impianto si possono trasformare in energia elettrica.

Originandosi dai rifiuti, il biogas si produce in grandi quantità nelle discariche, ma intervenendo nel recupero di tale gas si evita la diffusione nell’ambiente di sostanze inquinanti si può ricavarne una risorsa. A partire da questa consapevolezza, la GIusto Impianti mette a disposizione tecnologie che permettono la raccolta del biogas che si crea dai rifiuti organici urbani e dal letame degli allevamenti, individuando i batteri da utilizzare come fermentatori. Il gas che si produce è sufficiente per il funzionamento del processo, è prevalentemente composto da metano e si può utilizzare per produrre energia elettrica e/o calore.





Il principale vantaggio di questa fonte di energia è la riduzione dell’inquinamento, dato che l’anidride carbonica emessa dalla combustione del metano equivale a quella delle piante o assunta dagli animali tramite le piante, contrariamente alle quantità più elevate che si liberano durante la combustione dei carburanti fossili. Valorizzare il metano biologo significa quindi ridurre l’emissione di gas-serra. Va detto anche che per ottimizzare la produzione di biogas sarebbe buona cosa mescolare diversi tipi di prodotti organici (quindi ad esempio liquami animali, scarti vegetali e rifiuti organici).









Home Page | Dove Siamo | Settori | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu